DESIGN

Come vendere arredamento in store & online

Mar 01, 2018 admin

in store e online

L’arredamento sia in negozio sia online, secondo le formule omnichannel di due brand italiani: Design Republic e Arredatutto

Per i produttori di mobili di design l’omni-channel è una modalità collaudata. Diverso il discorso per i distributori, per parlarne abbiamo scelto due cases histories italiani, innovativi e di successo, come i loro giovani imprenditori milanesi. Marco Mornata ci racconta come, con la sorella, abbia avviato gli store Design Republic e, in parallelo, l’omonimo e-commerce noto per i marchi scandinavi (Design House Stockholm, Muuto, Nomess Copenhagen). Invece Demetrio Triglia e Alessandro Andreazza di Arredatutto, dopo un decennio di vendite, solo online, di ‘casa chiavi in mano’ (compresi ad esempio bagno e elettrodomestici), hanno deciso di aprire il loro primo negozio reale.

DESIGN REPUBLIC

DesignDiffusion: Come è nato Design Republic?
Marco Mornata: “Io e mia sorella Giulia apparteniamo a una famiglia storica di negozianti milanesi di arredamento, con il cognome sull’insegna. Nel 2015 abbiamo aperto il nostro primo store Design Republic, in Corso di Porta Ticinese e, incoraggiati dal successo avuto, poco dopo abbiamo avviato l’e-shop DesignRepublic.com. Nel 2017 abbiamo inaugurato il negozio di Piazza Tricolore, 500mq su due livelli. Il primo anno è stato quello della start up; nel 2016 e 2017 abbiamo badato alla crescita e al consolidamento, per il 2018 puntiamo all’espansione con tante novità. Allestiremo per eventi pop up lo spazio-magazzino di 300mq sul retro. E da marzo abbiamo in vendita in esclusiva la collezione Hay Kitchen Market di Hay; per il FuoriSalone inoltre Normann Copenhagen presenterà da noi, in Tricolore, le sue novità.

DD: Conta di più il negozio o lo shop-on-line?
MM: Per noi, di base, sono più importanti i negozi fisici, cioè ‘essere su strada’ e ‘avere i pezzi a terra’, sarà che lo abbiamo nel sangue. Comunque l’incrocio con l’online ci porta benefici notevoli, di visibilità e non solo. In Italia, è noto, siamo indietro nell’e-commerce di settore, ma siamo comunque in crescita con dati in tripla cifra. Può darsi che, abbastanza a breve, la tendenza s’inverta. La nostra idea è di vendere anche grandi mobili, per esempio i divani, come fossero dei complementi, un’idea in stile scandinavo. Ci aiuta il fatto che molti arredi siano semi-assemblati e in flat pack. Attraverso il sito vendiamo soprattutto oggetti ma anche singoli pezzi di arredamento, lo scontrino medio è intorno ai 270 euro. Per noi i due canali sono anche lavori complementari, che ci siamo divisi: Giulia si occupa più dei negozi e io dell’online e del brand. Riscontriamo che la gente è rassicurata dalla presenza fisica di un negozio in centro, abbiamo clienti solo tradizionali, clienti solo online e altri che usano entrambi i canali.
Comunque un pubblico relativamente giovane, di stile metropolitano, con una cultura del design che va anche oltre i marchi più noti.

DD: C’è anche molta concorrenza in centro a Milano, sembra una vetrina continua di elementi d’arredo, no?
MM: Più che negozi ci sono tanti show-room d’azienda, è diverso. Sono punti vendita luxury che guardano soprattutto all’estero, noi vogliamo il pubblico milanese in negozio. Un nostro punto di forza sono i prezzi accessibili nel rapporto qualità/prezzo, per me il design industriale deve esserlo. Da Design Republic si entra per una sedia o un tavolo e si scoprono gli oggetti e viceversa. Si crea traffico. Naturalmente in negozio diamo anche consulenza, progettazione e installazione.

DD: Se doveste aprire negozi altrove in Italia, dove lo fareste?
MM: Credo a Torino e a Roma.

DD: Come si compone la vostra offerta?
MM: Per il 60% proponiamo marchi scandinavi, per il resto italiani e stiamo aumentando la private label (ampliando la gamma con il nostro nome, vorremmo conquistare anche l’estero). Vogliamo che chi entra nei nostri negozi non si senta in un negozio tradizionale ma viva un’esperienza di shopping, per questo abbiamo anche molta oggettistica e selezioniamo grafica in sintonia (abbiamo grandi stampe di due marchi danesi, PlayType e Paper Collettive, ma apprezziamo naturalmente anche il good design italiano, per cui abbiamo anche i poster di Danese). Più che ha una profondità di assortimento, in generale, puntiamo sulla profondità per brand.

DD: Come descriverebbe il sito DesignRepublic.com?
MM: Lo abbiamo voluto semplice, chiaro, immediato. Un po’ sul modello di Yoox. Trovo che i siti di arredamento in Italia tendano ad avere invece troppe pagine e articolazioni. Anche i nostri negozi sono accoglienti perché aperti agli sguardi dall’esterno e invitanti nei percorsi interni.

ARREDATUTTO
La piattaforma leader in Italia nel commercio elettronico per l’arredamento (e non solo), è stata lanciata nel 2007 e nel 2017 ha aperto uno Store Arredatutto, sempre a Milano, in via Vigevano 32. Forte di 30mila articoli e 200 marchi tra mobili, illuminazione, piccoli e grandi elettrodomestici, soluzioni per il riscaldamento, prodotti per l’outdoor, l’ufficio e la smart home. Tra i brand ne annovera anche molti di top design come Flos, Kartell, Driade e altri. Il suo raggio raggiunge 90 Paesi, tra i quali i mercati principali sono oltre all’Italia e all’Europa, USA, Far East e Australia.

Perché la necessità di un negozio non virtuale?
“E’ come avere un piccolo salone del mobile attivo tutto l’anno – spiega il direttore commerciale Alessandro Andreazza – vogliamo fare in modo che i nostri clienti possano toccare con mano l’eccellenza del Made in Italy e delle altre soluzioni del nostro catalogo. Per questo coinvolgiamo i migliori brand del settore”.

Il negozio non è grande, 140mq su due livelli, ma alterna ciclicamente i brand in esposizione e, oltre che punto per la progettazione e lo studio di soluzioni su misura, vuole essere un laboratorio aperto agli operatori del settore, in particolare agli architetti e agli interior designer. Lo spazio fisico è un ulteriore passo verso la multicanalità, oltre al sito e a un servizio clienti multilingue, infatti di recente la società ha annunciato l’apertura di una nuova business unit negli Stati Unit, Arredatutto Inc, con sede commerciale a Chicago.

[Text Lucia Bocchi]

Foto in ordine di apparizione:

– Design Republic, negozio di Piazza Tricolore, Milano
– Design Republic, negozio di Piazza Tricolore, Milano
– Esterno del negozio Design Republic, Piazza Tricolore, Milano
– Divano Pozzetto, marchio Design Republic
– Al piano inferiore dello store Design Republic, Can sofa di Hay
– Cutlery family everyday Sunday di Hay, da Design Republic
– Arredatutto Store a Milano
– Postazione di progettazione nell’Arredatutto Store, Milano