Architecture

SCUOLA INSIDEOUT

Nov 22, 2017 admin

scuola insideout

IN GHANA VIENE COSTRUITA UNA SCUOLA “DI TERRA” CHE RIPORTA SPERANZA AI BAMBINI.

InsideOut è un prototipo di scuola sostenibile in terra costruito a Yeboahkrom, un piccolo villaggio rurale del Ghana, dopo che un forte vento aveva distrutto l’unica scuola e punto d’incontro per bambini disponibile nella zona.

Questo progetto no-profit, ideato da Andrea Tabocchini e Francesca Vittorini, due ex studenti della Politecnica delle Marche, è protagonista di numerosi premi internazionali ed è stato terminato in soli 60 giorni, con un fondo di 12.000 euro e la collaborazione della comunità locale e di un gruppo di volontari provenienti da tutto il mondo.

La scuola è stata costruita senza elettricità, fattore che ha determinato nei protagonisti la voglia, l’impegno e l’entusiasmo costante di riuscire nell’impresa. Sono state utilizzate infatti le sole materie prime disponibili del luogo ( terra, legno e vegetazione), spostati a mano 58.000 kg di terreno e lavorato 3 km di legno con soli due piallacci manuali.

Ma è proprio grazie alla mancanza di risorse disponibili e alle limitazione di cui disponeva il sito che si è potuto creare un progetto sostenibile capace di unire in un tutt’uno architettura e paesaggio. I muri delle classi, sfalsati fra loro, sono stati costruiti compattando la terra locale, una leggera struttura in legno è stata utilizzata per sollevare i tetti a “zig-zag”, permettendo così alla luce di entrare nell’edificio e di generare una ventilazione naturale degli spazi; la vegetazione del giardino, invece, si trasforma in prosecuzione dei portici, creando spazi d’ombra per studiare all’aperto.

Il risultato ottenuto è un lavoro che rompe i limiti tra interno ed esterno, offrendo un’alternativa alquanto originale rispetto al layout e alle classi standard e omogenee che siamo soliti vedere: un design economico che valorizza il sapere locale e mantiene integre le tradizioni, stimolando l’intera comunità e gli 80 bambini che ora frequentano questa scuola a credere in loro stessi, a superare i propri limiti e a sperare in un futuro migliore.

photo credit: Andrea Tabocchini & Francesca Vittorini + Photographer