Architecture

PIAZZA DEL VENTO, GENOVA

Ott 17, 2017 admin

“La Piazza del Vento” è un intervento leggero e sensoriale che ha preso forma sul waterfront di Genova stabilendo una nuova relazione tra la città e il mare.

Il progetto, che nasce da un’ispirazione di Renzo Piano, come contributo offerto al Salone Nautico e alla città di Genova, è stato creato dallo studio d’architettura OBR di Paolo Brescia e Tommaso Principi, in occasione della 57° edizione del Salone della città.

Piazza del Vento è “un’installazione multisensoriale collettiva nata per un evento temporaneo che diventa opera pubblica permanente, in cui celebrare il rito dell’urbanità sul mare, sancendo così il legame indissolubile tra il Salone Nautico e Genova”, spiega Paolo Brescia. Quest’opera di architettura – ha detto il sindaco di Genova durante l’inaugurazione – corrisponde alla visione che la città sta sviluppando intorno al Waterfront di Levante.

OBR ha immaginato un “campo” di 57 alberi in legno di acero rosso e acciaio bianco alti 12 metri e strallati tra loro con sartie in tessile su cui sono inseriti dei fiocchi in Dacron. Sulla sommità degli alberi sono installati dei segnavento cuciti con tessuti di spinnaker colorati che danno evidenza della direzione e dell’intensità del vento. Tra alcuni alberi sono ricavate delle altalene doppie da utilizzare in coppia, all’ombra delle vele e con vista mare.

Collaborando con il musicista Roberto Pugliese, gli architetti Margherita Del Grosso e Matteo Orlandi hanno ideato un campo sonoro attivato dall’azione del vento: un sistema di canne d’ottone di diversa lunghezza, disposte secondo un preciso schema spaziale tra gli alberi, restituisce le sonorità del mare nostrum con degli accordi secondo una scala musicale mediterranea “suonata” dal vento.