Architecture

LOUVRE ABU DHABI

Set 27, 2017 admin

louvre abu dhabi

IL PRIMO MUSEO, UNICO NEL SUO GENERE NEL MONDO ARABO, APRE LE PORTE AL PUBBLICO L’ 11 NOVEMBRE 2017.

Situato ad Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti (EAU), il Louvre Abu Dhabi, progettato dall’architetto francese Jean Nouvel, è un’esposizione universale che si concentra su storie umane condivise attraverso civiltà e culture, una sorta di città-museo coperta da una cupola di 180 metri, composta da quasi 8.000 stelle metalliche incastonate in un complesso disegno geometrico. Queste stelle, quando vengono colpite dai raggi del sole, creano una ‘pioggia di luce ‘ in movimento che ricorda le foglie degli alberi di palma presenti nelle oasi degli Emirati Arabi.

I visitatori potranno passeggiare attraverso le promenade che si affacciano sul mare e guardare in mostra un’importante raccolta di opere d’arte e reperti del museo, oltre a numerosi prestiti provenienti da musei francesi. I capolavori in questione spaziano dagli oggetti preistorici alle opere d’arte contemporanee commisionate, evidenziando temi e idee universali. Oltre alle gallerie, che saranno sia cronologiche che tematiche, e suddivise in 12 capitoli, il museo offrirà mostre temporanee, un Museo per Bambini, un auditorium, un ristorante, una boutique e una caffetteria.

La cerimonia di apertura includerà un’ampia gamma di programmi e iniziative aperte al pubblico, tra cui simposi, performance, concerti, spettacoli di danza e arti visive di rinomati artisti contemporanei e classici. Basato su un progetto scientifico e culturale innovativo che combina l’esperienza di 13 musei e istituzioni francesi guidati dall’Agence France-Muséums, il Louvre Abu Dhabi offrirà ai visitatori sicuramente un’esperienza unica: un nuovo viaggio attraverso le maggiori opere d’arte di diverse civiltà, che rispecchiano la nostra comune umanità. Il Louvre Abu Dhabi perciò porta un messaggio di tolleranza e di pace e ribadisce l’impegno costante nel promuovere la cultura e l’istruzione come uno scudo contro l’estremismo.

Foto Mohamed Somji