Architecture

MOCAPE MUSEUM

Mag 25, 2017 admin

MACAPE

REALIZZATO NEL 2016, IL MOCAPE RIDEFINISCE IL CONCEPT DELLA TIPOLOGIA MUSEALE ATTRAVERSO UNA STRUTTURA VISIONARIA DI FORTE IMPATTO URBANO DELLA CITTÀ

Nei Paesi emergenti l’architettura, per l’alto valore simbolico, è espressione di ambizioni culturali ed economiche di committenze pubbliche e private che, attraverso la realizzazione di grattacieli sempre più alti, cercano di autorappresentarsi ai vertici del successo.

La Cina pare invece voler cambiare direzione puntando verso l’orizzonte anziché verso il cielo. Il MOCAPE, infatti, contrappone alla selva di grattacieli un blocco orizzontale in grado di generare un nuovo genius loci. Il Museum of Contemporary Art & Planning Exhibition (MOCAPE) sorge a Shenzhen, città sub-provinciale della Repubblica Popolare Cinese appartenente alla provincia di Guandong nella Cina continentale meridionale. Il complesso museale è inserito all’interno del masterplan del Futian Cultural District, un grande insediamento destinato alla realizzazione di un distretto culturale per la città che comprende due istituzioni diverse, ma coerentemente interagenti sul piano relazionale dei contenuti culturali: il Museum of Contemporary Art (MOCA) e il Planning Exhibition (PE), un ampio spazio destinato a mostre di architettura.

I due musei dispongono di ambienti in condivisione: la hall, sale espositive multifunzionali, auditorium, sale conferenze e spazi di servizio. Posto al centro di uno spazio caratterizzato dalla presenza di alberi, il complesso emerge con tutta la forza iconica di una struttura percepibile non solo come contenitore di opere d’arte contemporanea ma anche come opera d’arte a scala urbana. L’ingresso principale, situato tra i due musei, conduce verso un sistema di scale mobili panoramiche con viste mozza fiato su un paesaggio tecnologico fortemente identitario. L’interno del museo rivela assonanze con mondi extraterresti attraverso una sorprendente scenografia di piani e superfici plasmati da uragani e forze centrifughe. La struttura straordinaria dello spazio interno è la ‘nuvola’ sospesa con funzione di orientamento dove sono presenti la caffetteria, la biblioteca e il book shop del museo. Il complesso dispone di soluzioni tecniche in linea con i più recenti criteri di sostenibilità ambientale ed è stato progettato per ridurre l’impiego di fonti di energia esterne attraverso energie rinnovabili come l’energia solare e geotermica (attraverso un sistema di raffreddamento ad acqua).

Progetto di Coop Himmelb(l)au    

Foto: Duccio Malagamba