#salone2017

L’ARCHITETTURA IN UNA FINESTRA

Mar 31, 2017 admin

AL BRERA DESIGN DISTRICT, GAMBARDELLARCHITETTI PROGETTA PER CAPOFERRI UNO ‘STRUMENTO DI OSSERVAZIONE’: UN MESSAGGIO DI AMORE PER I SERRAMENTI, PUNTO DI CONTATTO TRA TERRA E CIELO.

Una torre cava alta sette metri e mezzo, in omaggio alle guglie del Duomo e ai merli del Castello Sforzesco, si erge davanti alla statua di Francesco Hayez in Piazzetta Brera, a Milano. Si chiama “Scrigno del Cielo, l’architettura in una finestra”, l’opera progettata da Cherubino Gambardella e Simona Ottieri per Capoferri, che dal 3 al 9 aprile farà parte del circuito espositivo del Brera Design District.

Le pareti esterne della torre sono composte da una miriade di profili di legno e metallo, che diversi per colore, foggia e struttura, sono ambasciatori delle molte possibili nature attraverso cui i serramenti si manifestano; luoghi dove l’architettura diventa decisiva nel cambiare stato dall’esterno all’interno.

Una piccola torre di grande potenza plastica, lucida e opaca; un enigma su cui si aprono tre finestre collocate all’altezza dello sguardo di uomo, donna e bambino. Le aperture, leggermente sporgenti, inquadrano in basso uno specchio, posto all’interno del baluardo. Qui si nasconde il messaggio dell’opera: lo sguardo trova nello specchio i colori del cielo di Milano, i cangianti bagliori, le nubi, l’oscurità. E, inaspettato, un segreto tesoro: sulle pareti interne alla torre sono incastonate – quasi fossero gemme preziose – una folla di serrature, cerniere, staffe, elementi di ferramenta in ottone, bronzo, alluminio e acciaio. Un omaggio all’anima meccanica, artigianale, manifatturiera, di precisione, che caratterizza i serramenti speciali Capoferri: strutture eclettiche, che appartengono sia alla dimensione dell’architettura che a quella dell’interior decoration.

Gambardellarchitetti con quest’ opera racconta la cultura millenaria del rapporto tra edificio e finestra, interno ed esterno, soglia e attraversamento.