Architecture

ARCHITETTURA IN SVIZZERA. DIALOGO TRA STORIA E CONTEMPORANEITÀ

Ott 10, 2016 designdiffusion

Architettura in Svizzera. Dialogo tra storia e contemporaneità

a cura di Arianna Callocchia.

La Casa dell’Architettura di Roma ospita, dall’11 ottobre all’8 novembre 2016, un’edizione aggiornata e ampliata della mostra “Architettura in Svizzera. Dialogo tra storia e contemporaneità” allestita lo scorso anno al Palazzo Platamone di Catania (dal 23 ottobre al 30 novembre 2015) e promossa dal Comune di Catania, dall’Ordine Architetti P.P.C. della provincia di Catania e dalla Fondazione Ordine Architetti P.P.C. della provincia di Catania. Questa nuova tappa della Mostra accompagna, su iniziativa dell’Ambasciata di Svizzera in Italia e della Casa dell’Architettura, il ciclo di  conferenze “Architettura Contemporanea in Svizzera. I nuovi Musei e Centri Culturali” ospitato sempre alla Casa dell’Architettura nelle date di martedì 11 ottobre, 25 ottobre e 8 novembre.

Sia la mostra che il ciclo di conferenze sono interamente dedicate all’architettura contemporanea e ai Musei svizzeri con l’intento di favorire un dialogo ed un confronto fra la realtà svizzera e quella italiana.

La mostra “Architettura in Svizzera. Dialogo tra storia e contemporaneità”, curata  dall’architetto Arianna Callocchia, propone un dialogo tra storia e contemporaneità attraverso una selezione di progetti, tra i più nuovi e significativi della Svizzera già realizzati o in via di completamento tra il 2010 e il 2020,  caratterizzati da un forte e vincente ‘contrasto’ tra antico e moderno, tradizione e innovazione. Un dialogo non sempre facile, ma utile e necessario per stimolare la creatività anche in ambito di recupero e riqualificazione edilizia. Da Lugano a Basilea, da Zurigo a Losanna, dal Vallese ai Grigioni, un panorama ricco e variegato di progetti, pubblici e privati, che vuole promuovere un confronto costruttivo con una realtà in continua evoluzione differente da quella italiana ma esemplare per attingere idee di recupero urbano e architettonico a favore della riqualificazione e dello sviluppo sostenibile anche delle nostre città contemporanee.

I progetti architettonici esposti in questa seconda edizione della Mostra comprendono anche i nuovi Musei e centri culturali presentati nel ciclo nelle conferenze: LAC Lugano Arte e Cultura di Ivano Gianola (martedì 11 ottobre);  l’estensione del Museo nazionale Zurigo e il nuovo edificio del Kunstmuseum Basel di Christ&Gantenbein (martedì 25 ottobre); il Museo d’arte dei Grigioni Coira e il mcb-a (Museo Cantonale di Belle Arti), Plateforme10, Losanna di Barozzi/Veiga (martedì 8 novembre).

La mostra presenta, inoltre, una selezione di opere realizzate negli ultimi cinque anni in Svizzera che spaziano dalle infrastrutture pubbliche, all’edilizia residenziale e all’architettura per l’ospitalità e sono state scelte in base alle quattro aree linguistiche della Confederazione (italiana, francese, tedesca e romancia).  Tra i progetti esposti: la Villa Urbana 4 in 1 Beaumont a Losanna di 2b architectes, la Villa Roduit a Charrat in Vallese di clavienrossier architectes, la Casa D a Nuglar-St Pantaleon vicino Basilea di HHF Architekten, la Chesa Stuva Colani a Madulain in Engadina di Bertolini e Galli Architetti, il progetto dell’ IM VIADUKT a Zurigo di EM2N Architekten e il Centro di Formazione Gioventù e Sport a Bellinzona in Ticino di conte pianetti zanetta architetti.

Il carattere sempre attuale del dialogo tra storia e contemporaneità, declinato dal punto di vista architettonico, e la continua creatività progettuale della Svizzera fanno si che la mostra “Architettura in Svizzera. Dialogo tra storia e contemporaneità” potrà essere allestita in altre città, ampliandosi e rinnovandosi di volta in volta.


11 ottobre – 8 novembre 2016. Ingresso libero
Casa dell’Architettura, Piazza Manfredo Fanti 47, Roma