#salone2016

ANTEPRIMA SALONE 2016: Kartell

Feb 25, 2016 designdiffusion

Preview SALONE 2016: Kartell

Ricerca, tecnologia, sperimentazione sui materiali e le funzioni. Kartell anche quest’anno punta tutto sull’innovazione unita al design d’autore nei prodotti che presenta al Salone del Mobile 2016. Scopriamoli.

  • Antonio Citterio firma una famiglia di tavoli, Multiplo. La struttura dei piani è in materiale plastico con basi differenti e piani in ceramica sottilissima, le gambe del tavolo hanno una struttura in tecnopolimero termoplastico stampato con un’idonea struttura portante, mentre il top è in ceramica finitura marmo e colorato in massa. Dal minimal al decorativo, dal pop all’elegante, dal tavolo borghese per la sala da pranzo al tavolino da bar ideale per i contract: Multiplo nasce proprio con questo spirito eclettico e versatile. Al salone vengono presentate 4 versioni con misure, colori e abbinamenti di materiali differenti proprio per attestare la trasversalità estetica del progetto.
  • Piero Lissoni firma la poltroncina Piuma, uno dei prodotti più rivoluzionari e arditi nell’evoluzione delle tecnologie e dei materiali utilizzati da Kartell. Dietro al design essenziale di Piuma stanno due anni di intensa ricerca per implementare l’utilizzo di un’inedita miscela: un polimero termoplastico complesso caricato con numerose fibre fra cui il carbonio che conferisce grande rigidità meccanica unita ad un’elevata leggerezza. Un’altra novità del designer è Largo, divano 3 posti maxi con una struttura in policarbonato che offre solido appoggio e linearità del disegno agli ampi cuscini.
  • Philippe Starck presenta un ampliamento della famiglia Aunts&Uncles con il nuovo tavolo Sir Gio. Riconoscibile il tratto stilistico del designer nella dinamica base a razze del tavolo, rigorosamente in policarbonato trasparente.
  • Eugeni Quittlet firma una nuova seduta, Dream’ Air: un concept di seduta completamente inedito per Kartell soprattutto da un punto di vista formale. La caratteristica principale di questo nuovo protagonista è l’abbinamento di materiali diversi fra una struttura di base molto geometrica e la seduta eterea e trasparente.